Curriculum

Martino Vercesi è nato a Milano. Dopo essersi appassionato fin da piccolo alla chitarra moderna nel 2002 si diploma in chitarra classica al conservatorio “G.Verdi” di Milano con la votazione di 10 e lode. Completa la sua formazione perfezionandosi con Bruno Giuffredi e Andrea Dieci per la chitarra classica, Gigi Cifarelli, Luca Meneghello e Pasquale Grasso per quella jazz. Ha collaborato con diversi musicisti di chiara fama nazionale come Luigi Bonafede, Tony Arco, Giovanni Falzone, Marco Vaggi, Sandro Cerino, Fabrizio Trullu, Ares Tavolazzi, Luca Dell'Anna, Antonio Fusco, Marcello Testa, Marco Micheli fra gli altri. Ha suonato presso alcuni dei più importanti teatri e jazz club nazionali e internazionali come Blue Note Milano, Auditorium “G.Verdi” Milano, Porgy and Bess Vienna, Jazz Club Chur, Jazz Club Torino ecc. Ha suonato in diretta radio, e ricevuto lusinghiere recensioni su riviste specializzate (v. Musica Jazz, Radio Classica, Radio Vertigo 1, Kristall Radio, Anima Jazz). Ha al suo attivo diverse pubblicazioni sia come solista che come sideman.


My gallery

Playin' My Epiphone Les Paul (Photo by Roncaglione)

Al Blue Note di Milano

Gibson 347

In studio con Gibson 175

Jammin' on the streets

Perlees Sunset

Con Jimmy Heath

Black and White (Photo By Roncaglione)

Martino Vercesi Trio

Quartetto

con Kurt Elling

Strato time

Privacy policy

PERCHE’ QUESTO AVVISO
In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un’informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi web del Garante per la protezione dei dati personali, accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo: http://www.garanteprivacy.it corrispondente alla pagina iniziale del sito ufficiale dell’Autorità. L’informativa è resa solo per il sito del Garante e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link. L’informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall’art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.

privacy@demolink.org

Works

A Method for Modern Guitar + CD (Edizioni Sinfonica Jazz 2006)
L'opera è divisa in 14 capitoli e ciascun capitolo tratta un argomento diverso ed è costituito da una serie di esercizi atti ad ottenere risultati molteplici (senso del ritmo, lettura, conoscenza delle scale, diverse tecniche, polifonia) e, fatta eccezione per il settimo, è arricchito da uno o più brani originali scritti nel linguaggio tonale ma che spesso strizzano l'occhio al jazz, al pop, al rock, alla musica dei cantautori e alla tradizione latino-americana.

Le lezioni di Martino Vercesi sul Web
Queste lezioni si ripropongono di approfondire alcuni temi riguardanti la tecnica della chitarra moderna assenti o poco presenti sul web. Sono pubblicate su Accordo.it, su Jazzitalia.net e visibili anche su You Tube.
La pennata alternata favorevole (à la George Benson)
In questa lezione viene analizzato un esempio suonato da George Benson e viene dimostrato come il grande chitarrista americano ottiene il suo tipico suono staccato senza legature.
Il segreto del fraseggio Jazz / Blues
In questa lezione vengono analizzati due esempi suonati da George Benson e viene spiegato come si ottiene il tipico sound cromatico jazz blues.
Imparare le note sulla tastiera
In questa lezione viene proposto un intelligente ed efficace esercizio per memorizzare le note sulla tastiera consigliato anche dal grande Lee Ritenour.
Il segreto per un suono (acusticamente) poderoso
In questa lezione viene analizzato il tocco appoggiato di Wes Montgomery in contrapposizione con il tocco volante tipico di molti chitarristi elettrici.